I Racconti Dello Stomaco

Il mondo con gli occhi e la fame di un gastronauta

La Valle del Randaragna: tra borghi, cascate e antichi mulini

La Valle del Randaragna è una piccola valle laterale del fiume Reno nel territorio del comune di Alto Reno Terme, al confine tra Emilia Romagna e Toscana. Si arriva percorrendo la provinciale che collega Porretta a Sambuca Pistoiese e si svolta in prossimità dell’abitato di Molino del Pallone.

La vallata è caratterizzata dalla presenza di numerosi torrenti che confluiscono nel rio Randaragna. La zona è costellata di piccoli borghi in pietra e un tempo vantava ben 12 mulini ad acqua, oggi in parte perduti. Resta comunque una delle valli più suggestive dell’intero Appennino con molti sentieri che conduco agli antichi mulini e le tante cascate formate dai corsi d’acqua. Il periodo consigliato è in primavera con la portata dei fiumi al massimo.

Un possibile percorso nella Valle del Randaragna si sviluppa ad anello partendo dal borgo di Nibbio. Qui poco sotto al centro abitato parte il sentiero per Casa Calistri. Il tragitto si sviluppa in una prima parte in discesa fino a raggiungere il Ponte Romano a cavallo di un primo ruscello con annessa una piccola cascatella. Da qui si prosegue sul comodo sterrato immerso nel bosco fino al cimitero di casa Casa Calistri. Qui si attraversa il borgo, che ormai conta pochissimi abitanti, e si continua su asfalto in direzione Casa Lazzaroni. Dopo poco sulla destra si incontra una fonte e subito dopo una seconda cascata, nquesta decisamente più imponente, la cui base è raggiungibile con una brevissima deviazione dalla strada.

Oltrepassato l’abitato di Casa Lazzaroni, una manciata di case aggrappate alla parete rocciosa, in corrispondeza di una curva si scende a destra su un ripido sentiero che, costeggiando una cascatella, conduce alla base del salto principale situato in corrispondenza del suggestivo Mulino di Nazzareno. L’antica struttura appare come una torre addossata alla parete di fianco alla cascata. Le pietra ormai ricoperte dal muschio danno l’impressione di trovarsi in uno scenario da favola o uscito dal set di un film fantasy. Nei periodi di bassa portara è possibile scendere fino alla base della cascata ma con il torrente in piena la discesa è altamente sconsiglianta (se non impossibile). Il sentiero finisce qui perciò per proseguire bisogna risalire fino alla strada.

A questo punto si può continuare sull’asfalto e raggiungere la frazione successiva. Passato anche Poggioli, posta in posizione panoramica sulla vallata. Dopo qualche centinaio di metri si incontra il sentiero che scende ripido a sinistra verso Casa Roversi, altro minuscolo borgo che conta ormai un solo abitante fisso. Prima del borgo, sulla destra si può raggiungere un’altra cascatella, mentre alla base del borgo, in riva al fiume sorge il Mulino di Marco, oggi non visitabile. Oltrepassato anche questo piccolo ma affascinante centro abitato si scende a destra in corrispondenza di un’edicola sacra in direzione della Cascata del Randaragna. Poche centaia di metri conducono in riva al torrente e al cospetto di un imponente cascata con una notevole portata d’acqua.

Tornati sull’asfalto si può scegliere se continuare verso Nibbio su strada o risalire a Casa Calistri e ripercorrere il sentiero che passa dal Ponte Romano. Nel primo caso si prosegue fino al bivio della provinciale che sale verso il punto di partenza camminando sempre su asfalto su una strada decisamente poco trafficata.

L’intero tragitto nella Valle del Randaragna è di circa 9 chilometri con circa 500 metri di dislivello. Non è un percorso complicato in quanto si articola prevalentemente su asfalto. Bisogna però fare molta attenzione nelle discese verso le cascate dove si incontrano tratti bagnati e scivolosi. Si consiglia perciò l’ultizzo di calzature adatte. È possibile anche compiere parte del percorso in macchina e modificare il punto di partenza oppure scegliere di raggiungere in auto i borghi e le cascate facendo a piedi solo i brevi tratti sul sentiero ma si rischia di perdere la magia di questo luogo dominato dal fragore dell’aqua e dal canto degli uccelli.

Indirizzo: Case Calistri, Alto Reno Terme, Bologna, Italy

Lat: 44.098701

Lng: 10.911726

Indirizzo: Case Calistri, Alto Reno Terme, Bologna, Italy

Lat: 44.098701

Lng: 10.911726